Cercoetrovo News
facebook sharing button
messenger sharing button
whatsapp sharing button
telegram sharing button
Contratto di locazione cos’è

Contratto di locazione cos’è

Quali sono le tipologie più diffuse di contratti d’affitto e quali sono i più convenienti?

Esistono diverse tipologie di contratti di affitto e quindi diversi vincoli e obblighi da rispettare. Proprietari e inquilini possono optare tra diverse opzioni.

Qual è quella giusta per te? In questo articolo spiegheremo i pro e i contro di ogni contratto.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social

1. CONTRATTO D’AFFITTO A CANONE LIBERO (4+4):


Il canone previsto per questo tipo di contratto è determinato liberamente dalle parti. È uno dei  contratti di affitto più utilizzati ed è conosciuto anche come contratto quattro + quattro. La legge ha stabilito una durata di quattro anni, prorogabili per altri quattro, salvo che intervenga disdetta. Al di là dei limiti previsti per la durata, puoi decidere liberamente diversi elementi accessori del contratto, come, ad esempio, l’adeguamento Istat del canone.

2. CONTRATTO D’AFFITTO A CANONE CONCORDATO

Il valore del canone mensile è stabilito (concordato) sulla base degli accordi fra le associazioni di categoria e le organizzazioni edili maggiormente rappresentative a livello terriotoriale. La durata del “contratto agevolato” a “canone concordato” è di minimo tre anni.

Alla prima scadenza del contratto, se le parti non concordano sul rinnovo, il contratto è prorogato per altri due anni, fatta salva la facoltà di disdetta da parte del locatore.
Dopo gli ulteriori due anni di proroga il locatore e il locatario possono rinnovare a nuove condizioni o rinunciare al rinnovo del contratto (con lettera raccomandata da inviare all’altra parte almeno sei mesi prima della scadenza).
In mancanza della comunicazione il contratto è rinnovato tacitamente, a ciascuna scadenza, per un ulteriore biennio.

Le  parti possono stabilire il canone per il contratto, tenendo conto di fattori come le caratteristiche dell’edificio (stato manutentivo dell’intero stabile), la presenza di posto auto, box o cantina (le pertinenze), spazi comuni (cortili, aree a verde, impianti sportivi interni, ecc.) e servizi tecnici come ascensore, riscaldamento, prestazione energetica ecc.

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

Il contratto di affitto a canone concordato a sua volta può essere:


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social
Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

3. COMODATO D’USO GRATUITO:

Si tratta di un accordo con cui una parte (comodante) consegna all’altra (comodatario) una cosa mobile o immobile. È un contratto a titolo essenzialmente gratuito che viene stipulato per concedere l’uso di un immobile per un determinato tempo o per una determinata finalità vincolando il comodatario alla restituzione.

È necessario che sia sempre chiara la durata del comodato e, nel caso di comodato a tempo indeterminato, il comodatario dovrà restituirla nel momento in cui il comodante ne faccia esplicita richiesta invocando la necessità.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social