Cercoetrovo News
facebook sharing button
messenger sharing button
whatsapp sharing button
telegram sharing button
Investimenti sostenibili 4.0: il fondo per le imprese

Investimenti sostenibili 4.0: il fondo per le imprese

In arrivo 678 milioni per progetti digitali 4.0, economia circolare e risparmio energetico

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il decreto con cui stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande di accesso agli incentivi per programmi di investimento proposti da micro, piccole e medie imprese coerenti con il piano Transizione 4.0.

L’obiettivo è favorire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa, al fine di superare la contrazione indotta dall’emergenza Covid e di orientare la ripresa degli investimenti verso ambiti strategici per la competitività e la crescita sostenibile del sistema economico nel territorio nazionale.

I finanziamenti sono destinati per circa 250 milioni agli investimenti da realizzare nelle regioni del Centro – Nord (Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Umbria e Province Autonome di Bolzano e di Trento), mentre circa 428 milioni sono previsti per quelli nelle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna).

La misura del Governo prevede la concessione e l’erogazione di agevolazioni per:

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

Chi può richiedere gli incentivi?

Le agevolazioni sono concesse alle micro, piccole e medie imprese (PMI) che alla data di presentazione della domanda devono:

Quali spese sono finanziate?

Sono ammissibili le spese strettamente necessarie per la realizzazione di programmi di investimento per l’acquisto di:

  1. macchinari, impianti e attrezzature
  2. opere murarie, nei limiti del 40% del totale dei costi ammissibili
  3. programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali
  4. acquisizione di certificazioni ambientali

Sono ammissibili anche le spese per servizi di consulenza per il miglioramento energetico, nei limiti del 3% dell’importo complessivo delle spese ammissibili e a condizione che la consulenza non costituisca un adempimento obbligatorio per l’impresa ai sensi della normativa di riferimento.

Quali progetti sono ammissibili?

Per essere finanziati i progetti di investimento devono:

Per i programmi caratterizzati da un particolare contenuto di sostenibilità, sono previsti specifici criteri di valutazione, che consentono all’impresa proponente di conseguire un punteggio aggiuntivo nell’ambito dell’attività di valutazione dell’istanza prevista per l’accesso alle agevolazioni.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social

Foto di copertina da Canva