Cercoetrovo News
facebook sharing button
messenger sharing button
whatsapp sharing button
telegram sharing button
Come scrivere un curriculum perfetto

Come scrivere un curriculum perfetto

Scopri come arrivare al primo colloquio scrivendo un CV d’effetto

In media vengono impiegati tra i 10 e i 15 secondi per scartare un CV.

Non stupisce quindi che in media i selezionatori dedichino appena pochi secondi per decidere se il profilo del candidato è effettivamente interessante oppure no.

    Indice dei contenuti:
  1. In media vengono impiegati tra i 10 e i 15 secondi per scartare un CV.
  2. Cos’è un CV e a cosa serve?
  3. Un curriculum per impressionare chi opera la selezione del personale
  4. Gli elementi di un CV efficace?
  5. Consigli per un CV d’impatto?
  6. Altri errori da evitare nel CV.
  7. In breve.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social

Chi si occupa della selezione del personale per un’azienda è abituato a ricevere quotidianamente una valanga di curriculum.

In così poco tempo non è pensabile che possa esser letto il proprio CV per intero, ma quei 10-15 secondi sono sufficienti per valutare se si ha per le mani un candidato su cui vale la pena puntare.

Per questo è importante essere sintetici e realizzare un curriculum d’impatto. Bisogna mettere subito in risalto le proprie esperienze, competenze e capacità in relazione al lavoro per cui ci si candida.


Cos’è un CV e a cosa serve?

Il curriculum vitae (CV) è un documento di una o massimo 2 pagine che racchiude il percorso professionale, formativo e personale di un candidato. Il CV serve a mettere in risalto le capacità e competenze di chi si candida per un lavoro o risponde a un annuncio evidenziandone i punti di forza.

Il CV è il primo strumento che permette a un datore di lavoro o a un selezionatore di decidere se assumere o meno un candidato.

Gli elementi che lo compongono sono:

  • dati personali e recapiti
  • istruzione
  • esperienze lavorative
  • conoscenza di lingue straniere
  • conoscenze informatiche
  • consenso al trattamento dei dati personali

Facoltative possono essere (a seconda del settore professionale):

  • obiettivi professionali e di carriera
  • fotografia
  • esperienze formative (attestati, titoli e certificati)
  • informazioni su attività extraprofessionali, hobby, ecc.

Scrivere un curriculum vitae efficace non garantisce automaticamente il posto di lavoro, ma permette almeno di superare la prima scrematura e quindi di arrivare ad ottenere un vero e proprio colloquio di lavoro.

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

Un curriculum per impressionare chi opera la selezione del personale.

Scrivere un curriculum vitae efficace non garantisce automaticamente il posto di lavoro, ma permette almeno di superare la prima scrematura e quindi di arrivare ad ottenere un vero e proprio colloquio di lavoro.

Il CV per essere interessante quindi non dovrà tanto riportare sinteticamente tutte le esperienze lavorative fatte, quanto evidenziare quegli elementi che possono stimolare curiosità in chi opera la selezione del personale.

Per farlo bisogna esporre in modo chiaro i concetti più importanti del percorso lavorativo, utilizzando le parole-chiave che gli esaminatori stanno cercando.

Clicca per scoprire le ultime offerte di lavoro su Cerco&Trovo!

Dato che l’obiettivo di un buon CV è quello di fare colpo nella mente dei selezionatori e spingere a fissare un colloquio, è bene informarsi sull’azienda prima di scrivere il curriculum.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social

Per farlo basterà visitare il sito web o le pagine social dell’azienda: sarà possibile così capire di cosa hanno realmente bisogno e annotare le parole chiave da inserire sia nella lettera di presentazione che nel CV e mettere in evidenza solo ciò che potrebbe tornare utile per ottenere il colloquio di lavoro.

Facendo un esempio concreto: se un’azienda definisce la propria attività come incentrata su “creatività e dinamismo nel settore del Made in Italy” varrà sicuramente la pena di inserire “creatività” e “dinamismo” nel testo del CV.


Scarica gratuitamente 3 template per creare il CV

Gli elementi di un CV efficace?

In breve, tra le caratteristiche che deve avere un curriculum d’impatto si possono elencare:

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

Tutti questi punti sono importanti e concorrono alla creazione di un CV d’impatto, potrà sembrare banale, ma nessuno di essi deve essere trascurato. Analizziamoli quindi più in dettaglio:

L’importanza della sintesi. La lunghezza ideale di un curriculum è di una o al massimo due pagine, quindi bisogna essere essenziali nella descrizione utilizzando ad esempio elenchi puntati e grassetti per sottolineare alcuni passaggi che riteniamo importanti porre all’attenzione di chi opera la selezione.

Fare chiarezza. É bene non mescolare tanti colori, forme e font. É preferibile inoltre dividere il proprio CV in sezioni distinte tra loro per permettere anche a colpo d’occhio una più facile lettura (ad es. una sezione con i dati personali e di contatto, una con le esperienze professionali, una su istruzione e formazione, una con le competenze linguistiche, ecc.)

Originale e non banale. Per creare un curriculum efficace non vanno quindi utilizzati i template standard ma questi vanno modificati per introdurre un tocco personale.

L’obiettivo è quello di distinguersi dal mucchio ma senza esagerare: quale che sarà la forma del cv che sceglieremo come template è bene ricordare che dovrà essere estremamente comprensibile per chi opera la selezione del personale.

Attenzione anche alla foto: metterci la faccia è tendenzialmente apprezzato nel nostro Paese, l’immagine della persona predispone più favorevolmente al dialogo ma questa non è richiesta in tutti i settori o Stati (ad esempio negli States è segno di scarsa professionalità).

Scarica gratuitamente 3 template per creare il tuo CV

Occhio a ciò che scrivi e a come lo scrivi. Inviare un curriculum con errori ortografici o refusi è un errore che potrebbe portare direttamente al cestinamento della candidatura. La scarsa padronanza della lingua è uno dei principali motivi di eliminazione. É bene quindi rileggerlo più volte (e possibilmente farlo leggere anche ad altre persone).

I numeri del successo. Anche utilizzare dati numerici è un ottimo modo per rendere più accattivante il CV e far sì che venga notato, questo perché i dati aggiungono elementi concreti ed enfatizzano i risultati che si sono ottenuti nel corso della propria attività professionale.

Competenze specifiche per la candidatura. É un errore molto comune fare un invio massivo dello stesso CV a più aziende e sperare che queste ci ricontattino. Utilizzare un unico curriculum per tutti gli annunci di lavoro non è saggio perché sarà inevitabilmente generalista e non permetterà di centrare gli aspetti che possono più colpire il selezionatore.

Il curriculum a va adattato per ciascun annuncio e per ciascuna azienda a cui si intende inviarlo.

Mentire sulle competenze non è una buona idea. Dichiarare di avere competenze che in realtà non si possiedono porterà inevitabilmente a fare brutte figure al colloquio. In questo modo potreste compromettere opportunità di lavoro future presso quell’azienda. Infatti solitamente chi si occupa della selezione del personale è ben allenato a “fiutare” imbrogli e difficilmente si lascerà raggirare.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social

Nello scrivere il CV è bene essere il più onesti possibile e dichiarare solo ciò che realmente si conosce.


Consigli per un CV d’impatto?

A questo punto sarà chiaro quanto il curriculum rappresenti un vero e proprio lasciapassare per ottenere il colloquio di lavoro per la posizione desiderata: per questo è importante che sia curato nei minimi dettagli.

Come già detto, non esiste una ricetta unica capace di assicurare il successo del proprio profilo rispetto quello dei competitors però esistono una serie di suggerimenti per rendere più accattivante la vostra presentazione e più performante il contenuto del vostro CV.

Ecco qualche consiglio per migliorare la fruizione da parte di chi lo dovrà leggere:

Analizzando questi punti più in dettaglio, come già detto, risulta chiaro che non basta elencare le precedenti esperienze lavorative, queste vanno sapute raccontare in modo sintetico e interessante. Un CV d’impatto non solo elenca le esperienze professionali, ma evidenzia i risultati sottolineandone l’importanza.

Foto di cottonbro da Pexels

Mettere in luce i risultati ottenuti, i traguardi raggiunti durante il proprio percorso dà maggior valore alla candidatura. E’ importante anche dare risalto alle esperienze lavorative all’estero perchè oltre a dimostrare flessibilità e capacità di mettersi in gioco è indice del fatto di possedere competenze linguistiche.

Per quanto riguarda la scrittura: di solito nella stesura di un curriculum si evita di usare pronomi e per la scrittura si usa il tempo passato, a meno che non si stia lavorando nel momento in cui viene inviata la candidatura, in tal caso si usa il presente.

Infine esistono delle abilità di base che vengono inserite in quasi tutti i CV. Ma oltre a queste più generiche è bene inserirvi anche quelle competenze e soft skills che sono strettamente collegate alla posizione per la quale ci si candida per dimostrare a chi si occupa della selezione di essere in possesso della specifica esperienza richiesta.

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

Altri errori da evitare nel CV

Oltre a quanto abbiamo già elencato in questo articolo, esistono altri errori da evitare quando si scrive un CV da inviare ad un’azienda, sia come auto candidatura che come risposta ad un annuncio.

Evitare i luoghi comuni. Evitare di riempire il CV con frasi fatte: questo impatta negativamente sul livello di attenzione dei selezionatori e rischia di risultare dozzinale: meglio puntare su contenuti che siano funzionali alla narrazione (riportare dati e risultati).

Non scrivere informazioni imprecise, scorrette e fuorvianti. Evitare di inserire esperienze o competenze che possano generare fraintendimenti. E’ bene prendersi il tempo necessario per rileggere e verificare se quello che è stato scritto è stato espresso in modo chiaro e univoco.

Non formattare il documento. Prima di inviare il Cv è bene formattarlo, uniformando lo stile dei blocchi (corsivi, grassetti, titoli, testo, ecc.) e le grandezze del font. Ad ogni modo alla fine questo dovrà essere esportato e inviato in formato .pdf non in formato di testo editabile.

Prima di inviare la tua candidatura scopri come scrivere un curriculum perfetto e fare colpo su chi si occupa della selezione del personale. Scarica gratuitamente gli esempi di CV predisposti dalla nostra redazione.


In breve

Per riassumere: quando si invia la propria candidatura a un’azienda o si risponde a un’offerta di lavoro, occorre informarsi leggere bene cosa ricerca l’azienda ed eliminare dal CV quelle esperienze che non risultano significative per la posizione o il ruolo che si intende ricoprire.
Arrivare prima degli altri nell’invio del curriculum non sarà una scelta intelligente se questo conterrà errori, imprecisioni o elementi poco efficaci. E’ bene prendersi il proprio tempo e preparare diversi tipi di CV per diverse posizioni lavorative a cui si punta le aggiornarli/modificarli di volta in volta.

Prestare attenzione ai dettagli pò aumentare l’opportunità di essere selezionati per un colloquio.

Riuscire inoltre a tenere a mente ed evitare gli elementi elencati finora è già un buon punto di partenza per avere più chances di ottenere un colloquio, ma per massimizzare le proprie possibilità è importante accompagnare il proprio CV da una lettera di presentazione efficace. Si tratta di una lettera con cui ci si introduce all’azienda e in poche righe viene descritto il proprio percorso professionale allegando il curriculum vitae.

Scopri gli ultimi annunci pubblicati su Cerco&Trovo:

FAQ

  1. Quale modello usare per il cv?

Il miglior formato di curriculum dipende dal settore e dalla tipologia di lavoro per cui ci si candida. Se si ha già esperienza, allora conviene impostare il cv in modo cronologico (elencando le esperienze lavorative più attinenti, dalla partendo dalla più recente e andando poi indietro); se non si ha ancora esperienza allora conviene impostare il cv per competenze e capacità.

  1. Come e dove fare un curriculum gratis?

Esistono tanti siti che consentono di realizzare curriculum vitae gratis direttamente online da esportare poi in pdf. I più diffusi sono:

  • Europass: è lo standard più usato, per questo è anche il meno d’impatto perchè inflazionato visto che lo usano tutti, è gratuito ed è messo a disposizione dalla Comunità Europea. Basterà accedere e poi compilare i campi nei blocchi pre-impostati.
  • Canva: è lo strumento che permette di creare curriculum con più personalizzazioni grafiche. Facile e intuitivo offre tantissimi template pre-compilati a cui vanno solo aggiunti i contenuti.
  • CVwizard.it: molto intuitivo richiede di inserire le informazioni personali, esperienze e capacità, a quel punto sarà possibile scegliere il modello che più riflette la nostra personalità e quindi scaricarlo in formato pdf.
  • ResumeGenius: un altro programma semplice (con interfaccia in inglese!) per creare un cv online. Scegli la grafica e il formato di CV che più ti piacciono e che meglio si adattano al tuo settore.
  1. Come fare CV Europass gratis?

I cv che sono realizzati sul sito di EuroPass, messo a disposizione dall’Unione Europea, sono completamente gratuiti. Per crearne uno basterà accedere o creare un profilo qui, quindi andare su “crea il tuo Europass” e riempire i campi richiesti.

  1. Come scaricare un cv in pdf da Europass o altri siti?

Convertire il tuo curriculum in pdf è semplicissimo: la maggior parte dei siti prevede tra le opzioni l’esportazione automatica in questo formato o in un altro formato di testo editabile. Se invece si è scaricato un modello pre-compilato dopo averlo aperto e personalizzato con un qualsiasi programma editor di testo cliccare sul menù “File” quindi “Salva come” e scegliere l’opzione .pdf nella lista.

  1. Cosa scrivere nel cv?

I dati obbligatori sono come abbiamo già visto:

  • informazioni personali: residenza, data di nascita, recapito telefonico, mail
  • istruzione e formazione;
  • esperienze professionali;
  • capacità e competenze: conoscenze linguistiche, informatiche, capacità e competenze relazionali;
  • hobby e interessi principali.
  1. Cosa scrivere su di me nel cv?

Come abbiamo già detto, è cruciale che il cv faccia trasparire la personalità del candidato, qui è bene inserire le informazioni sui propri dati personali, esperienze, studi e competenze. Attenzione: non vanno inserite tutte, solo quelle in linea con l’offerta di lavoro a cui si intende rispondere o per cui ci si candida.

  1. Come scrivere un cv senza esperienza?

Se devi scrivere un curriculum senza esperienza lavorativa, concentrati sulle skills. In questo caso si consiglia di impostare il curriculum in base alle competenze e capacità acquisite con lo studio, corsi, workshop e laboratori formativi, ecc.


Resta sempre aggiornato sulle ultime news di Cerco&Trovo.
Seguici sui nostri canali social